Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Estate 2021: Sicilia tra le destinazioni preferite dai turisti italiani



Sarà una estate caratterizzata da un mercato prevalentemente “domestic”, anche se le imprese ricettive segnalano una ripresa dei flussi stranieri. Un movimento di vacanzieri fortemente orientato verso forme di turismo open air e scelte di soggiorni balneari (+24%), ma con un marcato interesse per gli attrattori storico-culturali delle Città d’Arte e dei Borghi (+26,2%).


In base alle informazioni fornite da un campione di imprenditori della ricettività, il mercato turistico del trimestre giugno-agosto 2021 dovrebbe registrare una crescita di presenze del +23,2%, con un trend decisamente migliore per il comparto alberghiero (+25%), rispetto a quello extralberghiero (+18,6%). In valori assoluti si stima che in Sicilia arriveranno 1,4 milioni di turisti (+21,5%) e i pernottamenti dovrebbero salire a circa 4,5 milioni. Un volume di mercato che fa ben sperare sull’esito della stagione estiva, anche se i livelli del trimestre 2019 appaiono ancora lontani
(-39%).


L’83% dei flussi turistici sarà composto da italiani con un aumento stimato del +22,7% rispetto al 2020; da giugno ad agosto i pernottamenti dei connazionali nelle strutture ricettive dovrebbero superare i 3,7 milioni. Invece, la crescita della domanda straniera è stimata al +26,2% e complessivamente i pernottamenti del periodo si attesteranno oltre le 731 mila unità.

Estate 2021: in Sicilia gli arrivi stranieri in sensibile aumento


Per quanto riguarda i mercati esteri, gli arrivi più significativi sono attesi dai mercati UE. Ad oggi, le nazionalità segnalate in sensibile aumento risultano francese, tedesca, svizzera, olandese.
Se da un lato i segnali che emergono dal mercato diffondono ottimismo tra le imprese turistiche, dall’altra va sottolineato che nei lunghi mesi di inattività del settore si sono generate crescenti difficoltà tra i diversi comparti ricettivi. Infatti, dalle informazioni raccolte si stima che almeno il 5,5% delle imprese ricettive della Sicilia ha deciso di non riprendere l’attività nel trimestre estivo, rimandando l’apertura al 2022 o alla fine del 2021. Le motivazioni di tali scelte sono da ricondurre al forte ridimensionamento della domanda estera e, in generale, alla forte incertezza sulla dimensione reale della domanda turistica estiva.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]