mercoledì, Ottobre 21
Shadow

Fare calcio in Italia è economicamente sostenibile?

In questi ultimi decenni, gli equilibri nel calcio italiano ed europeo sono cambiati. Sempre più spesso le proprietà “locali” sono state costrette a cedere le quote societarie a cordate estere disposte a ripianare i debiti e a immettere enormi quantità di denaro all’interno del sistema. Come raccontato al link https://www.ultimouomo.com/il-manchester-city-prima-degli-sceicchi/, ciò è avvenuto in Premier League con il Manchester City e il Chelsea, in Ligue 1 con il Paris Saint-Germain, in Spagna con il Malaga e negli ultimi anni è avvenuto anche in Italia. Gli “americani” a Roma, Firenze e Parma e i cinesi in quel di Milano, prima sponda rossonera, e ora sponda nerazzurra, hanno profondamente cambiato gli equilibri interni al nostro campionato e quest’oggi cercheremo di capire qual è la reale situazione finanziaria dei club professionistici italiani.

Non ricorrere all’indebitamento diventa sempre più complicato

Se è vero che, come raccontato da Rocco Commisso in una recente intervista, in Italia il ricorso all’indebitamento viene eccessivamente demonizzato, è altrettanto vero che un sistema sano richiederebbe quantomeno il ricorso a un debito sostenibile e, purtroppo, questo non è sempre accaduto. Grazie anche al lavoro dei vertici federali e di Lega, come raccontato anche al link https://www.economysicilia.it/calcio-gaetano-micciche-presidente-lega-a/, gli anni bui in cui molte squadre storiche del nostro campionato si sono viste costrette a dichiarare fallimento e a ripartire dalle serie minori, sembrano ormai alle spalle ma, come raccontato al link https://www.economysicilia.it/palermo-calcio-buco-da-oltre-70-milioni-procura-presenta-istanza-di-fallimento/, le recenti esperienze di Palermo, Foggia e Trapani ci fanno capire che il problema esiste ancora e che il lavoro da fare per evitare che ciò si verifichi di nuovo è ancora tanto. Come se non bastassero i già tanti problemi con cui erano costrette a fare i conti tutte le società del nostro campionato, negli ultimi tempi ci si è messa anche la difficile situazione sanitaria che sta costringendo quasi tutte le compagini a ripensare i propri progetti. Inter e Juventus sono sicuramente due delle esperienze più esemplificative in tal senso: grazie a una presidenza solida alle spalle, Suning da una parte e Exor dall’altra, entrambe riescono a coprire le ingenti perdite fatte registrare a bilancio ogni anno e lo fanno mediante ricapitalizzazioni che assolvono lo scopo di dare sollievo alle casse del club. Non tutte le squadre della nostra Serie A, tuttavia, hanno deciso di adottare questa strategia e Atalanta e Napoli sono un perfetto esempio di società sane, che da anni chiudono i bilanci in attivo e che riescono a portare avanti il proprio progetto tecnico autofinanziandosi. Sia gli orobici che i partenopei, al 9 di ottobre, dando un’occhiata al link https://betway.it/it/sports/grp/soccer/italy/serie-a, rispettivamente a quota 8 e 9,50, sono tra le principali indiziate per la vittoria dello scudetto, subito dietro le favoritissime e ricchissime Juventus e Inter. Ciò testimonia che si può essere competitivi anche senza spendere centinaia di milioni di euro sul mercato, come compreso anche dal Milan che da quando è gestito dal fondo Elliott è diventata la squadra della nostra Serie A con il maggior patrimonio, nonostante l’inevitabile rosso in bilancio.

 

Nonostante le mille difficoltà, il sistema regge

 

Il calcio mondiale e lo sport in generale stanno attraversando uno dei periodi più difficili di sempre. Nonostante gli introiti derivanti dalla vendita dei diritti televisivi e dai contratti di sponsorizzazione siano sempre più ingenti, tra cartellini e ingaggi dei giocatori e degli allenatori e costi di gestione, le uscite sono quasi sempre superiori alle entrate. Ciononostante, il sistema sembra essere riuscito a tenere botta alla crisi e, come raccontato anche al link https://www.economysicilia.it/turismo-fondo-di-rotazione-pubblicato-bando-sulla-gazzetta-ufficiale/, ciò è stato reso possibile grazie alle scelte fatte negli anni scorsi sia a livello centrale, sia dai vertici della FIGC che dai presidenti delle varie leghe professionistiche e non. L’assenza dei tifosi dagli stadi e il conseguente crollo negli incassi avrebbe potuto mettere in ginocchio l’intero sistema che, tuttavia, almeno per il momento sta reggendo. Certo, il lavoro da fare per garantire la sostenibilità del calcio è ancora tanto, ma i miglioramenti fatti in tal senso sono significativi, come testimoniato anche dal fatto che l’anno scorso nei primi tre campionati professionistici del nostro Paese una sola squadra è stata penalizzata a causa di irregolarità finanziarie, a dispetto delle quasi dieci dell’anno precedente.

Il momento storico è particolarmente complicato per tutti, ma il nostro sistema calcio ha retto l’urto e non possiamo fare altro che augurarci che, una volta superate queste difficoltà, tutte le società possano uscirne più forti di prima.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.