Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ferragosto, tutto esaurito sotto l’ombrellone



Ferragosto 2016 da tutto esaurito. Presenze in miglioramento perfino rispetto ai dati del 2015, anno del recupero del mare italiano, forse ai livelli della ottima performance estiva del 2012. Sulle spiagge italiane insomma, torna l’immancabile binomio Ferragosto-ombrellone.

A indicare un ‘Ferragosto d’oro’, un’estate ‘da raccontare’ (per parafrasare Fred Bongusto), sono i balneatori della Cna, secondo un’indagine effettuata dalla stessa confederazione che punta i riflettori sul periodo più caldo (dal 13 al 21 agosto), quello in cui i vacanzieri sono disposti a spendere di più e che orienta quindi i conti turistici dell’intero anno.

Alla vigilia del Ferragosto, gli stabilimenti di molte regioni sfiorano il sold out. Si va dal 98% di posti prenotati in Liguria e Sardegna al 95% di Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Sicilia e Toscana; dal 90% di Campania e Veneto all’85% di Abruzzo, Calabria, Lazio, Marche e Molise.

E’ un momento particolarmente felice vissuto dalle spiagge italiane, ma chi volesse trascorrere al mare il ponte di Ferragosto (o l’intera settimana che ruota intorno alla festività di metà mese) ha ancora qualche chance. Gli associati a CNA Balneatori, indicano gli ultimi posti (ma ovviamente la disponibilità cala di continuo) in Abruzzo (Pescara e Montesilvano), Calabria (Condorfuri), Lazio (Anzio e Ardea), Marche (Pesaro) e Molise (Campomarino e Termoli).

Nonostante i tanti appelli per le ‘vacanze intelligenti’, i turisti che hanno prenotato cabine, ombrelloni e lettini si concentrano soprattutto nei nove giorni ‘caldissimi’, dal 13 al 21 agosto.
Così la penuria di lettini sotto l’ombrellone fa schizzare i prezzi. Ma quanto spenderà per servizi, cibo e bevande una famiglia di quattro persone (genitori e due bambini) che sceglie le spiagge italiane a Ferragosto e dintorni? Secondo i calcoli della Cna balneatori, la spesa va da un minimo di 360 a un massimo di 495 euro, con una media di 444 euro. La spesa quotidiana per la famiglia tipo va dai 40 euro di Basilicata,
Calabria e Molise ai 45 di Campania e Marche, dai 50 di Abruzzo, Lazio, Puglia e Sicilia ai 55 euro di Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Sardegna, Toscana e Veneto.

In un mondo che viaggia sempre di più in rete, non poteva sfuggire alla regola il turismo balneare. La percentuale di vacanzieri che hanno prenotato on line tocca addirittura – indica ancora la ricerca – il 45% del totale in Emilia Romagna.Con Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto a tallonarla al 40%. A preferire il web sono principalmente i turisti stranieri.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]