Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Fondi Ue, le richieste impossibili della burocrazia regionale



La richiesta, documentale, è stata notificata in questi giorni a un imprenditore da parte degli uffici della Regione siciliana e riguarda pagamenti di fondi a valere sulle risorse del Po Fesr, ovvero Fondi Ue.

Dopo circa 2 anni dalla presentazione dell’istanza da parte dell’imprenditore, il funzionario non si limita a chiedere un aggiornamento del cronoprogramma di spesa ma chiede che venga valorizzato, ovvero compilato, ogni singolo mese del piano di investimenti presentato a suo tempo. L’episodio è stato raccontato su Facebook da Francesco Paolo Trapani, commercialista e consulente di numerose imprese che ha pubblicato anche lo stralcio della richiesta che è simbolo dell’iperburocratizzazione delle procedure regionali e in particolare di quelle relative alla spesa dei Fondi europei.

“Al di là delle polemiche, oltre le frasi ad effetto, credo sia necessario analizzare i motivi del fallimento del PO FESR 14/20 e delle attività “in house” – scrive Francesco Paolo Trapani -. Si tratta di una richiesta totalmente inutile, non prevista dalla norma e ridondante. Come se non fosse possibile agevolare un piano di investimenti che prevede mesi senza spese…fattispecie assolutamente ordinaria in piani di investimento di piccola dimensione”.

Le domande sorgono spontanee soprattutto in questo caso trattandosi di Fondi Ue e dunque di linfa vitale per il nostro sistema produttivo: “Perché questa richiesta ? Perché sono cattivi? Pigri? Nemici della “contentezza”? Niente di tutto questo. Sono semplicemente inesperti e mal supportati: senza una robusta area legale a supporto, senza una preventiva analisi delle procedure. Ed il povero funzionario annaspa sepolto dalle carte che si autogenerano creando un mostro capace solo di ritardare ulteriormente la spesa. E’ arrivato il momento di ragionare su un piano di efficientamento della macchina amministrativa. Per il bene di tutti. Per Keynes, per Shumpeter e pure per il consenso”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]

5 min

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella fase operativa, con l’invito rivolto alle aziende siciliane verso l’iter di certificazione, sotto la guida del comitato scientifico della Fondazione.Gli obiettivi del programma, condivisi nel corso del webinar “SOStain è …”, moderato dalla giornalista Fernarda Roggero, firma de Il Sole 24 Ore,  sono stati elencati […]