Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

G7, a Taormina si serve l’Olio per la pace degli Oleifici Barbera



Tutto pronto per il 43º vertice del G7 che radunerà, il 26 e il 27 maggio, i potenti della terra in Sicilia. Per tutto il mese di maggio, i clienti dei ristoranti di Taormina e del circuito Le Soste di Ulisse, troveranno sulle loro tavole una bottiglia da 250ml di “Olio per la pace”. Il formato da 100ml sarà invece omaggiato agli ospiti degli hotel che, durante il vertice mondiale, soggiorneranno nella cittadina siciliana.

 

L’Olio per la Pace vuole promuovere l’impegno socio culturale della Sicilia nei confronti della tutela dell’ambiente e delle attività che favoriscono lo sviluppo sostenibile, attraverso la cooperazione e l’integrazione culturale. E’ un olio 100% italiano, ottenuto da olive della varietà Cerasuola, Biancolilla e dalle 381 cultivar nazionali e internazionali coltivate e raccolte nel campo di conservazione del germoplasma dell’olivo a Zagaria, in provincia di Enna, e molite a freddo nel frantoio sperimentale a tecnologia avanzata di Premiati Oleifici Barbera a Custonaci, in provincia di Trapani, per conto del Consorzio.

 

L’Olio della Pace è un progetto ideato da Manfredi Barbera e promosso dal CO.FI.OL. in partenariato con il Libero Consorzio Comunale (ex Provincia Regionale) di Enna e il suo campo sperimentale del germoplasma dell’ulivo di Zagaria. L’obiettivo è quello di diffondere, a livello nazionale e internazionale, la cultura dell’olio e della pace attraverso un’iniziativa unica nel suo genere. Quest’olio, infatti, ottenuto da olive siciliane unite a quelle nazionali e internazionali di Zagaria, vuole essere la testimonianza di un modello d’integrazione possibile tra tutti i popoli del Mediterraneo.

 

Nel 2015 – spiega Manfredi Barbera, fondatore del CO.FI.OL. e amministratore unico di Premiati Oleifici Barberaabbiamo fatto arrivare al nostro frantoio sperimentale di Custonaci, le olive del campo sperimentale di Zagaria, riconosciuto dal mondo scientifico e dalle associazioni culturali come un vero scrigno della biodiversità olivicola. Le olive sono state poi molite insieme per dare vita a un olio extra vergine unico al mondo, l’olio dei popoli e della pace, presentato in anteprima a EXPO Milano e adesso riproposto in occasione del G7 di Taormina. In un momento storico particolarmente delicato come quello attuale – aggiunge Barbera – occorre che ognuno di noi, e non solo i governi, si impegni per la costruzione di una cultura della pace e dell’integrazione, così come ci insegna il modello siciliano. Da sempre la nostra isola è stata crocevia di popoli, culture e religioni che hanno saputo convivere pacificamente sotto lo stesso cielo. La pace non può essere solo un sogno, deve essere un impegno, che parte anche dai piccoli gesti quotidiani”.

 

Il settore olivicolo – afferma Margherita Rizza, commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ennaè il comparto produttivo agricolo di riferimento nel bacino mediterraneo, sotto l’aspetto economico, alimentare, ambientale, paesaggistico e culturale. Il campo di Zagaria, rappresenta un vero e proprio laboratorio a cielo aperto, strategico per lo sviluppo di attività di ricerca indispensabili per la tutela dell’ambiente e dell’agrobioversità. I mutamenti climatici, causati dall’inquinamento, la crescita a dismisura delle aree metropolitane e i sistemi agricoli intensivi sono esempi evidenti delle conseguenze di uno sviluppo economico che non rispetta la sostenibilità ambientale e i diritti universali dei più deboli. Le attività di ricerca svolte nel campo di Zagaria e i progetti come l’Olio per la Pace, vogliono invece promuovere il patrimonio culturale, ambientale ed economico riconducibile al valore dell’agro-bio-diversità siciliana”.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]