Press "Enter" to skip to content

Il caro benzina e le promesse (non mantenute) di Salvini

E’ da alcune settimane che i prezzi della benzina alla pompa sono in salita, ma proprio in questi giorni si è superato un livello di allarme che, almeno mediaticamente, ha un suo certo effetto: alcuni distributori in autostrada hanno prezzi per la benzina verde che vanno oltre i 2 euro.
il 1 marzo del 2018 l’attuale vice-premier Matteo Salvini prese un solenne impegno (1) con gli italiani: “nel primo Consiglio dei Ministri del Governo Salvini cancelleremo 7 ACCISE sulla benzina, e finalmente in Italia non pagheremo più il carburante più caro d’Europa!”. Impegnio che aveva anche rinnovato a dicembre scorso come suo obiettivo per il 2019.
Ok, quello attuale non è proprio il “governo Salvini”, ma non si può negare che il ministro dell’Interno abbia un ruolo di primo piano e di condottiero nell’attuale compagine governativa, anche se non sarebbe sua competenza diretta la materia… ma è proprio il nostro ministro che ci ha abituato da mesi ai suoi interventi e irruzioni e provvedimenti di tutto lo scibile politico… benzina non da meno, quindi.
Cosa è successo, quindi, perché l’impegno di Matteo Salvini non è andato a segno? Potremmo stilare un lungo elenco di probabili ed accreditate motivazioni (penne migliori delle nostre crediamo si applicheranno), ma da associazione di consumatori, da cittadini e da elettori ci limitiamo a prendere atto che non solo non si è tenuto fede a questo impegno, ma la situazione è peggiorata, anche molto.
L’impegno dei “ministri del governo Salvini” sembra che sia rimasto lì e già si vedono le ragnatele, visto che nel frattempo non lo hanno neanche spolverato un po’.

Per capire di cosa stiamo parlando, è bene ricordare che le imposte sul costo della benzina alla pompa sono in una forbice di costi che vanno dal 60 al 70% del prezzo finale, e tra questi prelievi, oltre all’Iva, ci sono alcuni di questo tipo: guerra di Abissinia del 1935; crisi di Suez del 1956; disastro del Vajont del 1963; alluvione di Firenze del 1966; terremoto del Belice del 1968; terremoto del Friuli del 1976; terremoto dell’Irpinia del 1980; missione in Libano del 1983; missione in Bosnia del 1996; rinnovo del contratto degli autoferrotranviari del 2004; Fondo unico per lo spettacolo 2011; emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011; manovra economica Monti del 2011. E altri che non è difficile trovare usando un qualunque motore di ricerca in Rete.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Breaking News: