Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Imparare inglese online nel 2022: le migliori opzioni



Per imparare l’inglese online oggi serve solo una connessione internet e un PC, oppure uno smartphone o un tablet. Strumenti che usiamo sempre di più e che possono aiutare ad apprendere una lingua straniera. 

La vita di casa un po’ più forzata a causa della pandemia ha quindi spostato all’interno delle mura domestiche anche il nostro apprendimento. La didattica a distanza delle scuole è un esempio, perché anche le lezioni di inglese online stanno ricevendo un numero sempre maggiore di richieste. 

Oggi ci sono diverse strategie per imparare l’inglese online e in questa guida ti riportiamo quelle che secondo noi sono tra le più importanti.

Video, serie e film in Inglese 

La maggioranza dei film e delle serie che vediamo non sono quasi mai in lingua originale e strano a dirsi, ma anche tantissimi titoli famosi vengono completamente modificati nelle traduzioni. Si può pensare a una sorta di “lost in translation” per rimanere in tema, ma in realtà scoprire le voci originali dei nostri personaggi preferiti è talvolta sorprendente. Non c’è alcuna intenzione di fare una dichiarazione contro i doppiatori italiani, peraltro bravissimi, ma per imparare l’inglese è importantissimo guardare i programmi in lingua originale.

All’inizio potete tenere i sottotitoli in italiano, se proprio non avete dimestichezza con l’inglese, ma si tende a sconsigliarlo. Il metodo migliore è usare i sottotitoli in inglese, non solo per avere maggiore dimestichezza con l’ascolto di questa lingua, ma anche per familiarizzare con la grammatica e con i diversi accenti.

Ascoltare i film in lingua originale è un esercizio gratuito, semplice e divertente che nel giro di qualche mese vi darà la possibilità di capire se si tratta di inglese degli Stati Uniti, oppure l’inglese “British”.  

Le app per imparare le lingue 

Il rapporto che abbiamo oggi con gli smartphone e i tablet è profondamente cambiato, e tra diversi social siamo soliti trascorrere tanto tempo. Vi sarà anche capitato di trovare app create appositamente per imparare l’inglese o un’altra lingua straniera, e sono proprio loro alcuni dei nuovi strumenti online da usare. Ci sono tantissime risorse online tra cui Babbel e Duolingo che offrono tanti percorsi di studio in base al livello degli studenti. 

Le app sono comode perché permettono di imparare una parola nuova in qualsiasi momento, sono create per essere facili da usare e le opzioni base sono sempre gratuite.

Le app offrono una sorta di lezioni di inglese online o di altre lingue, e sono adatte a tutte le età e i livelli. Dall’alfabeto alle parole più complesse, la grammatica, le espressioni idiomatiche e molto altro ancora.

Al termine di ogni scheda di apprendimento si possono eseguire dei test che vi mettono alla prova sulle nuove parole che avete imparato. 

I tutor online 

Le app sono uno strumento utile, ma non si possono mettere a confronto con le lezioni dirette, che offrono la possibilità di creare un piano di studio con il tutor prescelto.

Le piattaforme online sono il punto di partenza per cercare l’insegnante più adatto. Nella maggioranza dei casi è possibile fare una lezione di prova e se si pensa di aver trovato l’insegnante perfetto il gioco è fatto e il percorso può iniziare.
È importante comunicare all’insegnante quali sono gli obiettivi che si desiderano raggiungere. È fondamentale anche programmare le lezioni di inglese online in base alla  propria disponibilità cercando di trovare il compromesso migliore con il proprio tutor. Non Bisogna inoltre tenere in considerazione gli orari e i giorni durante i quali si è più produttivi, quindi se sapete che dopo l’orario di cena non siete più molto attivi, conviene programmare le lezioni dopo il lavoro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]