Shadow

Imprese green, Sicilia ultima ma in crescita

L’economia green in Italia è in forte crescita e la Sicilia segue il trend ma l’Isola è ultima fra le Regioni italiane. Sono i dati emersi da un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano.

Sono 53 mila imprese le imprese nel settore in tutta Italia, con un +34% in cinque anni e 438 mila addetti. La crescita maggiore, secondo lo studio, è avvenuto nelle grandi città: Milano con 4 mila imprese (8% del totale italiano), Roma con 3 mila (6%), Torino e Bolzano con 2 mila (4%). È Bolzano a segnare la maggiore crescita in cinque anni, col raddoppio delle imprese. Pesa la Lombardia con quasi 50 miliardi di fatturato sui 200 in Italia, di cui 35 concentrati a Milano. 

Nonostante il trend positivo la Sicilia vale poco meno del 6% nazionale e un terzo della sola Lombardia con un numero di occupati isolani che tocca un livello poco superiore al 3%. Nessuna provincia siciliana figura fra le più innovative e nessuna fra le nove province si trova fra le prime 20 per numero di imprese. Poco sotto troviamo solo Catania (641) e Messina (413). Le altre sono tutte dietro in classifica. Un dato positivo si registra nell’ultimo anno a Messina e Agrigento mentre nella città dei Templi, nell’ultimo quinquennio, c’è stato un vero boom, con un +80% di imprese.

Altra buona notizia il numero delle imprese attive. Nelle prime dieci posizioni abbiamo quattro province siciliane (Agrigento, Ragusa, Caltanissetta e Messina). Fra le prime venti anche Catania e Palermo. Nonostante la buona posizione in classifica i risultati non si avvicinano minimamente ai numeri toccati da Bolzano e Trento (come si evince dalla tabella).

Leggi anche  Catania-Ragusa, il 5 settembre il via libera dal Cipe

tabella imprese green attive

Per quanto riguarda il numero degli occupati nel settore in tutta Sicilia parliamo di circa 14.400 unità contro i 38.278 nella sola città di Milano. Rispetto al dato nazionale (438 mila) l’Isola è al 3,2%. La provincia siciliana più attiva per numero di unità risulta Catania (641) che è crescita nell’ultimo anno del 3,7%.

Un settore che senza investimenti pubblici non potrà crescere maggiormente. “Con il Green Public Procurement – afferma Massimo Ferlini, membro di giunta della Camera di commercio di Milano – puntiamo a dare una spinta come amministrazione pubblica alla green economy. Un comparto importante, in cui le imprese stanno crescendo fortemente negli ultimi anni e da cui ci aspettiamo un rilancio dell’economia. E’ infatti sempre più connesso ai diversi settori, inserito nella crescita della dimensione di smart living nel nostro territorio”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.