Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Industria 4.0, un patto per coniugare innovazione, sviluppo e valori



La tecnologia ruba posti di lavoro o, al contrario, con nuovi bisogni nasceranno nuove occupazioni? Società, mondo dell’impresa e dell’industria si trovano davanti a nuove sfide del nostro tempo. Quali i rischi e quali le opportunità di una rivoluzione 4.0? Una trasformazione che inevitabilmente porta con sé delle conseguenze, ma non per forza negative. A patto che il cambiamento venga supportato da una adeguata formazione e riqualificazione delle risorse umane. Come a dire che il livello tecnologico va elevato insieme al livello sociale ed etico.

Questi i temi di un incontro dei giorni scorsi a Villa Zito, sede di Fondazione Sicilia, promosso dall’Ucid Gruppo Sicilia, l’Unione degli imprenditori e dirigenti cristiani, che quest’anno ha festeggiato a livello nazionale 70 anni dalla nascita. In Italia conta 1500 iscritti, dei quali un centinaio in Sicilia. Un confronto tra imprenditori, esperti e studiosi del mondo accademico, propedeutico alla formulazione di un patto etico per coniugare innovazione, sviluppo e valori. A favore di un progresso che non deve mai perdere di vista il lavoro degno. ”Di un’economia del nuovo umanesimo” ha parlato Patrizia Di Dio, imprenditrice e Presidente di Confcommercio Palermo. “Internet, big data, strumenti analitici, diffusione delle connessioni e degli strumenti portatili, impongono una accelerazione che ricade sulle aziende con impatti sempre più marcati, sollecitandole da un lato all’innovazione e dall’altro invitandole a ripensare l’organizzazione per adeguarla alle necessità o addirittura ridisegnarla”.

“Non è la tecnologia che porta via il lavoro, ma la mancanza di innovazione tecnologica” – ha sottolineato Salvatore La Rosa, già ordinario di Controllo e gestione della qualità all’Università di Palermo. Tutti concordi sulla necessità di coniugare successo dell’azienda e responsabilità sociale “per scongiurare quella cultura dello scarto di cui anche Papa Francesco ha parlato” – come ha detto don Sergio Siracusano, direttore regionale della Pastorale del lavoro. “Non basta promuovere l’acquisto di apparecchiature e sistemi digitali e relativi software per raggiungere obiettivi di competitività e sostenibilità – dice Riccardo Ghidella, Presidente nazionale Ucid -. Tali obiettivi sono alla fine per l’uomo e la comunità e quindi va verificato prima se tali acquisti consentono davvero il miglioramento della condizione della persona e delle perfomance economico-sociali. Industria 4.0 è una sfida che può essere vinta se porta il nostro Paese ad incrementare il suo livello sociale, non solo tecnologico. E’ necessario quindi un patto fra parti sociali per condividere gli obiettivi di una rivoluzione per la persona. Ucid è a disposizione delle istituzioni e dei territori come attore di questo tavolo per il bene comune e la sostenibilità sociale”.

“La rivoluzione è iniziata da tempo e ci siamo nel mezzo – ha detto Corrado Vergara, ordinario di Economia aziendale all’Università degli Studi di Palermo -. La trasformazione è normale che avvenga, è insita nel processo di crescita ed evoluzione del mondo. Dobbiamo lavorare prima di tutto sulla crisi della speranza”.
“La rivoluzione tecnologica è una scossa per le industrie e le imprese che porta con sé potenzialità da poter sfruttare – ha sottolineato Massimo Maniscalco, presidente di Ucid Gruppo Sicilia -. Ma ‘Il fare’ se non sorretto da valori non porta alcunché di positivo. Riteniamo indispensabile una Grande Rivoluzione Etica 4.0 da affiancare in modo strutturale ad Industria 4.0”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]