Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Internet advertising, video vale più dei banner



Il valore del mercato pubblicitario in Italia nel 2019 vale 8,2 miliardi di euro: un dato che replica quello del 2018, ma all’interno del quale continua lo spostamento dei rapporti di forza: cresce ancora la componente legata agli Internet Media (che raggiunge il 40% dal 37% di 12 mesi fa) mentre cala la rilevanza di Stampa (11% rispetto al 12%) e TV (44% dal 46%), rimane stabile al 5% la componente Radio.
L’Internet advertising raggiunge a fine 2019 il valore di 3,27 miliardi di euro (+9% rispetto al 2017), una crescita leggermente più bassa degli ultimi anni.

Il mercato dell’Internet Adv rimane altamente concentrato nelle mani di pochi player: la componente in mano agli Over the Top era già pari al 75% nel 2018 e rappresenta almeno il 76% a fine 2019.

Queste alcune delle evidenze che emergono dai dati presentati da Andrea Lamperti, direttore dell’Osservatorio Internet Media della School of Management del Politecnico di Milano in apertura dello IAB Forum 2019.

La crescita dei formati pubblicitari online

La componente Video, con una crescita del 20% sul 2018 che la porta a 1,05 miliardi di euro, ha completato l’operazione di sorpasso sui Banner (che crescono del 3% e raggiungono 1,02 miliardi di euro) e ora vale più della metà dell’intero mercato del Display advertising, che complessivamente supera la soglia dei 2 miliardi di euro.

Il Search advertising (ossia l’acquisto di visibilità all’interno dei motori di ricerca) vale oltre 900 milioni di euro e cresce del 6%, con un incremento leggermente inferiore rispetto al +9% del 2018.

Classified & eCommerce advertising (ossia l’acquisto di visibilità all’interno dei cataloghi di siti di annunci e portali di eCommerce) chiudono il 2019 a 254 milioni di euro complessivi (+14%), una crescita decisamente superiore a quella degli ultimi anni (tra 6% e 7%) dovuta soprattutto alle iniziative di eCommerce advertising sui grandi portali.

Infine, rimane costante nell’intorno dei 30 milioni di € la raccolta derivante dall’Email advertising.

Il programmatic advertising 

Il mercato del programmatic advertising crescerà quest’anno del 13%, raggiungendo un valore di 552 milioni di euro. Un settore che potrà diventare sempre più rilevante anche grazie all’allargamento delle “logiche digital” su nuovi canali quali l’audio advertising (ad esempio attraverso gli smart speaker), l’addressable TV (spot targettizzati grazie a Smart TV e televisori connessi) e il Digital OOH (schermi e cartellonistica digitale).

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]