La guerra del pesce rischia di fare la prima vittima



La guerra del pesce che si combatte da anni nel canale di Sicilia ha rischiato di fare la prima vittima. L’allarme lo aveva lanciato qualche settimana fa Salvatore Quinci il sindaco di Mazara del Vallo allertato dalla Farnesina. Alla fine l’incidente è arrivato con i colpi sparati contro i pescherecci siciliani dai libici e con Giuseppe Giacalone, comandante di una delle tre imbarcazioni, ferito al braccio e alla testa.

Tutto si sarebbe svolto, secondo la Marina militare italiana, “all’interno della Zona di protezione di pesca (Zpp) libica, nelle acque della tripolitana”. E’ stato lì, in una zona ad alto rischio a 35 miglia a nord della costa di Al Khums, che la Guardia costiera libica ha incrociato le tre barche italiane (Aliseo, Artemide e Nuovo Cosimo) e ha sparato colpendo il comandante dell’Aliseo  poi portato a bordo della motovedetta libica “per presunti accertamenti medici e poi rilasciato. Sull’episodio grava il sospetto che I libici abbiano utilizzato la barca Obari, donata dall’Italia.

guerra del pesce

La Marina libica ha smentito di aver sparato “contro” pescherecci italiani ma ammesso i “colpi di avvertimento in aria” per fermare imbarcazioni da pesca. Da registrare la reazione Marco Marrone, armatore del peschereccio Medinea, sequestrato dai libici per 108 giorni che dice: “Ci deve scappare il morto per fare intervenire il governo? – dice Marrone – Le barche non sanno più dove andare, sono tutte ammassate in uno specchio di mare tra Malta e Lampedusa”.

Guerra del pesce: da mesi situazione ad alto rischio

Che la situazione in quel tratto di mare fosse “ad alto rischio” le nostre autorità lo avevano già comunicato il 28 aprile scorso, quando otto pescherecci italiani si erano spostati a circa 35-40 miglia dalle coste di Bengasi malgrado gli “sconsigli” del governo. Un avviso inascoltato, visto che lunedì scorso era già dovuta intervenire in soccorso la fregata “Alpino” della Marina Militare dopo che un gommone proveniente dalla Cirenaica si stava dirigendo a grande velocita’ in direzione delle imbarcazioni.

E in attesa del ritorno a casa dell’ “Aliseo”, previsto per domani sera, a Mazara del Vallo l’ultimo episodio rinfocola le polemiche dei mesi scorsi quando l’1 settembre due pescherecci vennero sequestrati con l’equipaggio per ben 108 giorni dalle forze del generale Khalifa Haftar.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]

5 min

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella fase operativa, con l’invito rivolto alle aziende siciliane verso l’iter di certificazione, sotto la guida del comitato scientifico della Fondazione.Gli obiettivi del programma, condivisi nel corso del webinar “SOStain è …”, moderato dalla giornalista Fernarda Roggero, firma de Il Sole 24 Ore,  sono stati elencati […]

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]