Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

La scommessa del Festival del giornalismo enogastronomico



Un territorio disseminato di eccellenze e di imprese, piccole ma di grande qualità. E’ l’area dei Nebrodi, in provincia di Messina: dall’olio al suino nero, dalla nocciola al pane. Sono solo alcuni prodotti ma bastano a descrivere brevemente quella che possiamo chiamare la Fabbrica contadina dei Nebrodi che sarà protagonista della quarta edizione del Festival del giornalismo enogastronomico che si terrà dal 14 al 16 dicembre a Galati Mamertino in provincia di Messina.

E non è solo una festa dell’enogastronomia, quella che ormai si celebra nel piccolo comune dei Nebrodi. Perché  il Festival è l’occasione per fare il punto sullo sviluppo di quella che abbiamo battezzato fabbrica contadina dei Nebrodi non perché è di moda il termine ma perché in realtà grazie all’impegno di piccoli produttori, grazie ai sacrifici e spesso alla follia di chi ha creduto nel buono, sano e giusto si può cominciare a parlare di sistema agroalimentare dei Nebrodi, che resta un po’ frammentato ma esiste ed è in cerca di spazi sui mercati non solo locali. I giornalisti che parteciperanno al Festival, animando sì i convegni accreditati dall’Ordine dei giornalisti ma contribuendo con la loro esperienza al dibattito che quest’anno si svolge a tavola, recuperando il senso del convivium che è parente dell’otium latino ma è anche il momento in cui è possibile scambiare opinioni, confrontarsi sulle idee. Il Festival del giornalismo enogastronomico resta, nel panorama regionale, una occasione unica di confronto su temi che hanno un unico comun denominatore: l’economia e lo sviluppo del territorio. Perché il Festival è soprattutto una scommessa: sottrarre i Nebrodi alla cultura parassitaria e assistenzialista e farli diventare un modello di economia moderna che ha saputo scommettere sulla qualità. Queste sono le storie che possono raccontare i ragazzi dell’Antico mulino a Pietra di Longi, o ancora Giacomo Emanuele con le sue api, o ancora Pino Drago che sogna il presidio del pane dei Nebrodi e ha già provato a seminare i grani antichi siciliani con un omaggio ai suoi genitori ma anche a ciò che tutti noi siamo stati: il grano, in fondo, è stato e può tornare a essere un simbolo della ricchezza e della fertilità di questa isola.

Il Festival non è una cosa per pochi ma una occasione per i tanti che vorranno partecipare: basta telefonare a De Gusto, a Donna Santina a alla Falda per prenotare un tavolo e diventare protagonisti insieme ad altri di questa edizione all’insegna delle contaminazioni: ai fornelli grandi chef con i ristoratori locali. Per trovare insieme non solo una ricetta ma anche una strada che abbia alla base i prodotti dell’isola e non solo dei Nebrodi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]