Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Mafia, beni sequestrati: riparte a Palermo il master in amministrazione giudiziaria



Palermo – Riparte all’Università di Palermo il master in amministrazione e gestione dei beni sequestrati o confiscati alla mafia. Il master di alta formazione che ha già avuto numerose edizioni porta con sé almeno due novità. La prima è la firma di un protocollo tra l’Università di Palermo e l’Autorità anticorruzione guidata da Raffele Cantone. “Lo strumento introdotto dal decreto Madia e inizialmente pensato per l’Expo consente di intervenire in vari settori: la ratio è quella di evitare il paradosso che le interdittive antimafia possano arrecare danni alle istituzioni pubbliche – ha spiegato Cantone -. Attraverso il commissariamento della singola commessa. In questa esperienza biennale abbiamo trovato un problema significativo per la nomina degli amministratori: non esiste un albo e abbiamo utilizzato degli elenchi. Abbiamo trovato la difficoltà di trovare profili specifici. Questo commissariamento non coinvolge l’intera azienda ma solo il singolo contratto. Sistema che sta funzionando che sta consentendo di creare problemi occupazionali enormi: lo abbiamo utilizzato in aziende con decine e decine di cantieri. E’ indispensabile creare professionalità. Perché pur avendo gli amministratori giudiziari quasi tutto il background servono ulteriori competenze. Università di Palermo battistrada”.
“La necessità di amministratori competenti e formati emerge molto forte – dicono i magistrati della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo-: sono cose di cui abbiamo preso atto. Dobbiamo garantire una significativa rotazione degli incarichi e proprio la mancanza di un adeguato bacino di amministratori formati può aver contribuito a limitare gli incarichi. Stabilire dei criteri per dare gli incarichi e direttive (ultima direttiva ha previsto dettagliatamente tutte le attività che riguardano il loro incarico. Direttiva pensata per dare uniformità e trasparenza alla loro attività”.

L’altra novità riguarda la nascita dello spin off all’interno del Dems e si tratta di una iniziativa che coinvolge diverse aree del dipartimento. I componenti di questo spin off sono docenti di varie aree del dipartimento (Dems). Sono affiancati da una parte commerciale. “Alcuni nostri collaboratori sono laureati e dottori di ricerca dell’Università di Palermo – ha spiegato Enzo Bivona – . Lo spin off arriva grazie a una attività sperimentata nell’ultimo quinquennio sui modelli di organizzazione, sul bilancio sociale. Ci siamo resi conto che era necessario un disegno congiunto tra diverse competenze (aziendalista, penale ecc.) e alcune aziende ci hanno chiesto di fare valutazioni. Dopo aver fatto una prima esperienza con una azienda del settore sanità, azienda che non aveva alcun problema ma sentiva l’esigenza di garantire i propri azionisti e gli stakeolder. Poi tra i nostri “clienti” abbiamo avuto la Cmc e ancora la Bacchi. Un’altra azienda era del gruppo Conad non con problematiche specifiche ma che voleva assicurare processi indenni da infiltrazione. Ultima Enel su una attività di valutazione del proprio modello di organizzazione”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]