Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Non ci sono soldi per l’area di crisi complessa di Gela: 24 comuni in allarme



[sam_pro id=1_2 codes=”true”]

“Si teme di veder fallire l’enorme mole di lavoro messa in campo negli ultimi due anni al fine di individuare un percorso di rilancio alternativo al comparto petrolifero” – é l’allarme lanciato dal sindaco di Gela, Domenico Messinese”. Le proposte di nuove attività industriali – aggiunge – sono rimaste al palo perché la Regione siciliana non ha individuato la dotazione finanziaria che in concorrenza con le risorse ministeriali possa soddisfare i fabbisogni di sviluppo dell’area.

Altro ostacolo é l’indisponibilità di aree produttive a costi adeguati necessarie per favorire l’insediamento di nuove attività produttive. O meglio noi all’Asi abbiamo 70 mila metri quadrati di aree libere infrastrutturale ma nessuno li vuole perché la Regione li vende a 20, 30 euro al mq, un prezzo fuori mercato. Che area di crisi é quella in cui chi deve investire trova il costo delle aree più alto che altrove?”.

[sam_pro id=1_3 codes=”true”]

“Auspichiamo che il rinvio richiesto dal Presidente della Regione – dice il vicesindaco con delega all’industria Simone Siciliano – sia dovuto alla volontà di voler incontrare l’amministrazione comunale per una riunione propedeutica all’incontro ministeriale, del 22 gennaio alla presenza del Gruppo di coordinamento e controllo dell’area di Crisi industriale Complessa, tra le più estese d’Italia, volto ad acquisire informazioni sul percorso avviato dall’amministrazione Comunale in sinergia con le sigle datoriali e i sindacati sotto la supervisione del Prefetto di Caltanissetta, che in prima linea ed in sinergia hanno lavorato per scongiurare che la vertenza Gela non si trasformasse in un dramma sociale irreversibile.

Sono informazioni indispensabili per concordare azioni finalizzate alla realizzazione dei nuovi programmi di investimento riconversione e risanamento ambientale, e connessi programmi occupazionali che riguarderanno la vita di oltre mezzo milione di abitanti.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]