Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Non ci sono soldi per l’area di crisi complessa di Gela: 24 comuni in allarme



[sam_pro id=1_2 codes=”true”]

“Si teme di veder fallire l’enorme mole di lavoro messa in campo negli ultimi due anni al fine di individuare un percorso di rilancio alternativo al comparto petrolifero” – é l’allarme lanciato dal sindaco di Gela, Domenico Messinese”. Le proposte di nuove attività industriali – aggiunge – sono rimaste al palo perché la Regione siciliana non ha individuato la dotazione finanziaria che in concorrenza con le risorse ministeriali possa soddisfare i fabbisogni di sviluppo dell’area.

Altro ostacolo é l’indisponibilità di aree produttive a costi adeguati necessarie per favorire l’insediamento di nuove attività produttive. O meglio noi all’Asi abbiamo 70 mila metri quadrati di aree libere infrastrutturale ma nessuno li vuole perché la Regione li vende a 20, 30 euro al mq, un prezzo fuori mercato. Che area di crisi é quella in cui chi deve investire trova il costo delle aree più alto che altrove?”.

[sam_pro id=1_3 codes=”true”]

“Auspichiamo che il rinvio richiesto dal Presidente della Regione – dice il vicesindaco con delega all’industria Simone Siciliano – sia dovuto alla volontà di voler incontrare l’amministrazione comunale per una riunione propedeutica all’incontro ministeriale, del 22 gennaio alla presenza del Gruppo di coordinamento e controllo dell’area di Crisi industriale Complessa, tra le più estese d’Italia, volto ad acquisire informazioni sul percorso avviato dall’amministrazione Comunale in sinergia con le sigle datoriali e i sindacati sotto la supervisione del Prefetto di Caltanissetta, che in prima linea ed in sinergia hanno lavorato per scongiurare che la vertenza Gela non si trasformasse in un dramma sociale irreversibile.

Sono informazioni indispensabili per concordare azioni finalizzate alla realizzazione dei nuovi programmi di investimento riconversione e risanamento ambientale, e connessi programmi occupazionali che riguarderanno la vita di oltre mezzo milione di abitanti.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]