Piano di sviluppo rurale Sicilia, entro l’anno altri 18 bandi

Sono 46 i bandi del Piano di sviluppo rurale emanati al 2018 (esattamente al 30 aprile) per un totale di risorse poste a bando pari a euro € 1.221.183.262,99 ma entro l’anno saranno esitati ulteriori 18 bandi. La spesa pubblica raggiunta ad oggi , di € 441.825.166,91 pone dunque la Sicilia tra le prime regioni d’Italia in linea con le migliori performance nazionali. Sono i dati emersi nell’ambito dei lavori del Comitato di sorveglianza del Piano di sviluppo rurale (Per) 2014-2020. Lavori, che Si sono appena conclusi a Catania, presso il Monastero dei Benedettini, i lavori del Comitato di Sorveglianza del PSR 2014 – 2020 cui hanno partecipato referenti istituzionali e regionali: dal ministero per le Politiche Agricole al ministero dell’Economia, dal ministero dell’Ambiente al MIUR, all’Agea, e i rappresentanti del partenariato. Come si ricorderà l’originaria dotazione finanziaria complessiva del PSR Sicilia 2014/2020 era pari ad euro 2.212.747.107,44 ma a seguito della rimodulazione finanziaria effettuata nel 2017 per il cosiddetto trasferimento di solidarietà a favore dei PSR delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, duramente colpite dagli eventi sismici verificatisi a partire dall’agosto 2016, la dotazione finanziaria complessiva del PSR Sicilia 2014/2020 è scesa ad euro 2.184.171.900,83

L’assessore per l’Agricoltura, Edy Bandiera, che ha presieduto il Comitato di sorveglianza si è dichiarato soddisfatto dei progressi compiuti dal programma per il quale sono in corso delle procedure di modifica ed integrazione di alcune misure frutto anche del confronto con il partenariato pubblico-privato. Apprezzamento anche da parte della Commissione Europea sui progressi compiuti e sui livelli di spesa raggiunti. Il rappresentante della DG Agri, Leonardo Nicolia, ha dichiarato in sede di Comitato che la media della spesa del PSR in Europa è del 28%, in Italia è del 18% mentre la Sicilia ha raggiunto il 21%. Esprimono apprezzamento anche il Ministero dell’Economia, il Ministero dell’Ambiente e la Confagricoltura.

I risultati raggiunti hanno consentito di superare l’obiettivo di spesa fissato per il 2018. “Siamo di fronte ad una Sicilia che esce a testa alta dal Comitato di Sorveglianza – afferma Bandiera a lavori ultimati – Molto spesso per luoghi comuni si pensa che non siamo capaci di spendere i fondi comunitari, mentre oggi abbiamo avuto l’attestazione, anche da parte del membro della Commissione Europea, che la Sicilia è tra le prime regioni italiane in fatto di Programma di Sviluppo Rurale speso. Un attestazione importante del lavoro svolto, al quale come Governo regionale stiamo imprimendo una forte accelerazione. Vogliamo consegnare ai siciliani un’agricoltura moderna, eccellente e pronta a cogliere e a vincere le sfide presenti e future”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.