Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Pnrr, 10 azioni del governo per aiutare i Comuni impegnati nei progetti



Le possibilità di successo del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e delle politiche di coesione nazionali ed europee passano in buona parte dalla capacità che le amministrazioni pubbliche dimostreranno nel saper presentare e attuare i progetti. Circa 66 miliardi di euro, pari a un terzo del totale dei fondi messi a disposizione dal PNRR, sono riservati a investimenti affidati alla gestione dei territori. In particolare, 20 miliardi per quanto riguarda il Mezzogiorno, ai quali si sommeranno circa 9 miliardi di React-EU, 54 miliardi di Fondi strutturali europei e 58 miliardi del Fondo di sviluppo e coesione.

Pnrr Mara Carfagna

Purtroppo, però, gli enti locali – soprattutto al Sud – spesso non sono nelle condizioni di poter sfruttare al meglio queste opportunità, in particolare per carenze finanziarie e di organico.

Per questo, il governo ha messo in campo una serie di strumenti per supportare l’azione di Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni, con un’attenzione particolare al Mezzogiorno.

Si tratta di dieci azioni volte a potenziare gli organici delle amministrazioni locali con figure tecniche specifiche, a ricercare progetti per determinati obiettivi, a fornire assistenza nelle varie fasi di programmazione e realizzazione delle opere.

Ecco in sintesi gli strumenti a disposizione.

  • CONCORSO SUD

Mentre i primi 778 tecnici sono in gran parte operativi all’interno delle amministrazioni scelte, sono in corso le procedure per il reclutamento di altre 2.022 unità a supporto delle amministrazioni impegnate al Sud nell’attuazione delle politiche di coesione nazionali ed europee. Il nuovo bando prevede criteri più favorevoli per i giovani laureati.

>> Più informazioni sulla procedura di selezione in corso qui.

  • ASSUNZIONI SPECIFICHE PER I PROGETTI

Le pubbliche amministrazioni possono assumere personale a tempo determinato al solo scopo di realizzare i progetti previsti dal PNRR di cui sono titolari. Le spese, se ritenute ammissibili, possono essere inserite a carico dei progetti.

>> La misura è prevista all’articolo 1 del decreto-legge n. 80/2021 sul rafforzamento della capacità amministrativa.

  • MILLE POSTI PER ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE

Le Regioni possono sottoscrivere complessivamente almeno mille incarichi di collaborazione con professionisti ed esperti chiamati a fornire supporto ai procedimenti amministrativi connessi all’attuazione del PNRR. Il personale è assunto dalle Regioni e può essere ripartito tra le amministrazioni locali in base alle esigenze. Sono a disposizione 320 milioni di euro, di cui il 40% riservato al Sud (per almeno 400 incarichi).

>> Le informazioni sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica.

  • RISORSE DAI FONDI STRUTTURALI EUROPEI

Le Regioni possono richiedere di utilizzare risorse dei Programmi operativi complementari (POC), finanziati dai Fondi strutturali europei e cofinanziati con risorse nazionali, per azioni di supporto tecnico e operativo all’attuazione dei progetti del PNRR.

>> Questa opportunità è prevista dall’art. 9 del decreto-legge n. 152/2021 sulle ‘norme abilitanti’ del PNRR.

  • NUOVE FORZE DALL’AGENZIA PER LA COESIONE

Un emendamento all’esame del Parlamento potrà consentire all’Agenzia per la Coesione territoriale di stipulare contratti a professionisti, che andranno a supportare i Comuni del Mezzogiorno. Così, grazie alle risorse del PON Governance, si potrà “potenziare” l’intervento avviato con il Concorso Sud.

  • IL FONDO PER I CONCORSI DI IDEE E PROGETTI

I Comuni fino a 30mila abitanti, le Province e le Città metropolitane del Sud, delle aree interne e delle regioni Umbria e Marche, hanno a disposizione le risorse per concorsi di idee e progetti in ambito urbanistico e di innovazione sociale. I Comuni fino a 5.000 abitanti possono scegliere di impegnare le risorse anche direttamente per studi di fattibilità tecnica ed economica. È stato istituito un Fondo con una dotazione di 161.515.175 euro.

>> Si tratta di una norma prevista dal decreto-legge n.121/2021 ‘Infrastrutture’. Qui sono illustrati i principali vantaggi per Sud e aree interne contenuti in quel provvedimento.

  • SUPPORTO TECNICO DI SOCIETÀ IN HOUSE DELLO STATO

Consip, Invitalia, Difesa Servizi e Sogei mettono a disposizione esperti qualificati per il supporto tecnico-operativo a favore delle amministrazioni locali. Per stipulare la convenzione, non serve avere un progetto già definito, basta solo la fase preliminare. Il costo può andare a carico dei relativi progetti del PNRR ammessi a finanziamento.

>> La norma è contenuta nell’art. 10 del decreto-legge n. 77/2021 su ‘governance e semplificazioni’.

  • SERVIZI DI SUPPORTO PER LE STAZIONI APPALTANTI

Consip fornisce azioni di formazione del personale, contratti e servizi di supporto per rafforzare la capacità delle stazioni appaltanti. Il governo ha stanziato a questo scopo 40 milioni l’anno fino al 2026.

>> Questa misura fa riferimento all’art. 11 del decreto-legge n. 77/2021 su ‘governance e semplificazioni’.

  • LE CONVENZIONI CON CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Le amministrazioni possono sottoscrivere convenzioni con Cassa Depositi e Prestiti, che – direttamente o tramite le società controllate – fornisce assistenza e supporto tecnico-operativo. Gli oneri possono essere assorbiti dagli investimenti che saranno realizzati.

>> È un’opportunità prevista dall’art. 10 del decreto-legge n. 121/2021 “Infrastrutture”.

  • TASK FORCE PER L’EDILIZIA SCOLASTICA

Per la progettazione e la realizzazione dei progetti di edilizia scolastica finanziati dal PNRR, l’Agenzia per la Coesione territoriale – in convenzione con il Ministero dell’Istruzione – organizza una task force di supporto ai Comuni, ulteriormente potenziata ed estesa fino al 2025 grazie al finanziamento di 63 milioni di euro dal PON Governance.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]