Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Porto di Trapani: presentato il protocollo salva-occupazione



L’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, il direttore marittimo della Sicilia Occidentale e comandante del Porto di Palermo, contrammiraglio Salvatore Gravante, il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale,Pasqualino Monti, hanno annunciato nei giorni scorsi il protocollo d’intesa per la risoluzione del problema relativo al mantenimento, nell’area attuale del porto di Trapani, del cantiere navale della Liberty Lines, nodo cruciale per le attività cantieristiche della città e del porto e, soprattutto, per l’occupazione.

Presenti all’incontro con la stampa il comandante della Capitaneria di porto di Trapani, C.V.(C.P.) Franco Maltese, il commissario ad acta e legale rappresentante del Consorzio Asi di Trapani in liquidazione, Piero Re, il presidente del CdA di Liberty Lines, Anna Iracani, e il consigliere d’Amministrazione, Donato Di Bona.

Il nodo, che coinvolge il Consorzio Asi di Trapani, oggi in liquidazione, e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Capitaneria di porto di Trapani, subentrati alla soppressa (nel 2009) Autorità portuale di Trapani, riguarda la demanialità delle aree su cui insiste il cantiere di Liberty Lines, che una sentenza di primo grado ha riconosciuto di proprietà dell’Asi.

In attesa del giudizio definitivo, e in prossimità della scadenza della concessione, si è sottoscritto un protocollo tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti-Capitaneria di porto di Trapani, l’Assessorato regionale alle Attività produttive, l’Autorità di Sistema portuale del mare di Sicilia occidentale, il Consorzio Asi di Trapani in liquidazione, la Liberty Lines.

Nonostante l’annoso contenzioso giudiziario, gli enti coinvolti hanno trovato una soluzione condivisa, primo passo concreto verso la risoluzione. In base al protocollo, il Consorzio Asi Trapani in liquidazione dà in concessione, da oggi, le aree su cui è installato il cantiere navale di Liberty Lines, in attesa che si accerti definitivamente la titolarità delle stesse aree.

Sintetizza bene il contrammiraglio Gravante: “Oggi il buon senso, la buona volontà e la capacità di discutere tra amministrazioni hanno avuto la meglio sulla farraginosità  delle norme e dei provvedimenti giudiziari”. “Quello che abbiamo concordato rappresenta un piccolo miracolo in termini di tempo e un bene per tutta la città che punta molto sul suo porto”, ha commentato il presidente Monti. “Abbiamo scongiurato le ripercussioni occupazionali che l’eventuale smantellamento del cantiere, per indisponibilità delle aree, avrebbe prodotto sul territorio, tenuto conto che il cantiere dà lavoro a circa 90 addetti. Oltre alle conseguenze sull’operatività della flotta sociale della Liberty Lines e, a cascata, sui servizi pubblici di linea, nel caso in cui Liberty si fosse trovata costretta a smantellare il proprio cantiere, nel quale vengono effettuate le manutenzioni e le riparazioni delle unità navali che espletano il servizio”.

L’assessore Turano: “La cantieristica navale a Trapani è un’importante risorsa economica Noi abbiamo fatto solo il nostro dovere, velocemente, perché era necessario garantire a un’azienda come la Liberty Lines e ai lavoratori una prospettiva. Ringrazio il presidente Monti e l’ammiraglio Gravante per l’impegno che stanno mettendo nell’ammodernamento e nella riqualificazione di tutto il porto: il nuovo terminal rappresenta un segnale forte in questo senso”.

Un altro concreto contributo alla rinascita del porto di Trapani lo ha dato il rendering della nuova struttura ricettiva che migliorerà le condizioni di attesa dei passeggeri in imbarco e sbarco nel porto di Trapani, i cui lavori inizieranno il prossimo autunno, al termine della stagione turistica 2018.

Il nuovo terminal passeggeri di Trapani – progettato dagli architetti Antonello Giglio, Anna Igea Garretto e dall’’ingegnere Enrico Petralia – si connota come una piazza coperta, ospita zone di attesa climatizzate, un info point e un bar caffetteria. Oltre a queste funzioni si prevede di allocare un’unica biglietteria che supporterà tutte le compagnie che lavorano per il trasporto passeggeri da Trapani verso le isole. Il progetto immagina questa nuova piazza coperta come un diaframma trasparente tra la città e il mare, le ampie superfici vetrate garantiranno la massima continuità percettiva e paesaggistica. Una palma, caratterizzerà una piccola corte, un omaggio alla tradizione mediterranea. Si prevede altresì una nuova pavimentazione in pietra locale. Questo primo intervento intende agire sia come area di interfaccia porto-città in una logica di innalzamento della qualità ambientale, sia di integrazione tra l’infrastruttura portuale e la trama urbana.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]