Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ragusano Dop verso la modifica del disciplinare



Il formaggio Ragusano Dop si avvia a diventare un prodotto chiaramente riconoscibile ed indentificale nel controverso e, spesso confusionario, mondo del mercato dell’agroalimentare. Il ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali ha approvato, infatti, la proposta di modifiche del disciplinare relativo al formaggio ibleo recependo le proposte avanzate dal Consiglio direttivo del Consorzio, nato per la tutela del prodotto, e approvate in seduta straordinaria.

Con la pubblicazione di dette modifiche sulla Gazzetta Ufficiale, l’Iter dettato e sperato dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio si appresta, dunque, a giungere verso la sua conclusione, iter cominciato, lo ricordiamo, con l’approvazione delle modifiche al disciplinare da parte dell’assessorato regionale; adesso manca solo la registrazione del disciplinare da parte degli uffici preposti dell’Unione europea.

La necessità di attuare delle modifiche al disciplinare del Ragusano DOP, nasce dall’esigenza di permettere una riconoscibilità chiara del prodotto ibleo. Per i componenti del “Consorzio per la tutela del formaggio Ragusano DOP”, allo stato attuale esiste un problema legato alla identificazione del prodotto; Troppo spesso viene spacciato per ragusano ciò che ragusano non è. Le nuove modifiche sono finalizzate non solo ad adeguare il disciplinare alle caratteristiche qualitative del formaggio, ma definiscono anche i concetti di “porzionato”, di “grattugiato” e di “mono porzioni” per la necessaria trasparenza giustamente pretesa dai produttori e per garantire al massimo i consumatori. L’immagine del prodotto dovrà essere chiara e facilmente identificabile, per questo verranno ufficializzati i segni per la riconoscibilità e per la tracciabilità. Nel nuovo disciplinare, tra l’altro, è stata anche prevista la possibilità, per gli allevatori che caseificano esclusivamente con latte di bovine di razza modicana, di specificare in etichetta la dicitura “ragusano da vacca modicana”.

Molto soddisfatti del risultato ottenuto i rappresentanti del Consorzio secondo i quali si sta finalmente per giungere ad un risultato di fondamentale importanza per la tutela del Ragusano DOP, grazie anche all’introduzione delle etichette, che permetteranno di risalire alle aziende produttrici, e grazie all’ufficializzazione del logo.

In attesa della registrazione delle modifiche da parte dell’Unione Europea, gli oltre 50 soci del Consorzio, oltre la metà dei quali caseari e il resto stagionatori e produttori di latte, sono stati già chiamati a seguire il nuovo corso dettato dal Consorzio per la tutela del ragusano Dop.

Il nuovo percorso del Consorzio di tutela del Ragusano DOP sarà spiegato e presentato ufficialmente a Ragusa in occasione della Fiera Agricola del Mediterraneo il prossimo 30 settembre.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]