Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ragusano Dop verso la modifica del disciplinare



Il formaggio Ragusano Dop si avvia a diventare un prodotto chiaramente riconoscibile ed indentificale nel controverso e, spesso confusionario, mondo del mercato dell’agroalimentare. Il ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali ha approvato, infatti, la proposta di modifiche del disciplinare relativo al formaggio ibleo recependo le proposte avanzate dal Consiglio direttivo del Consorzio, nato per la tutela del prodotto, e approvate in seduta straordinaria.

Con la pubblicazione di dette modifiche sulla Gazzetta Ufficiale, l’Iter dettato e sperato dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio si appresta, dunque, a giungere verso la sua conclusione, iter cominciato, lo ricordiamo, con l’approvazione delle modifiche al disciplinare da parte dell’assessorato regionale; adesso manca solo la registrazione del disciplinare da parte degli uffici preposti dell’Unione europea.

La necessità di attuare delle modifiche al disciplinare del Ragusano DOP, nasce dall’esigenza di permettere una riconoscibilità chiara del prodotto ibleo. Per i componenti del “Consorzio per la tutela del formaggio Ragusano DOP”, allo stato attuale esiste un problema legato alla identificazione del prodotto; Troppo spesso viene spacciato per ragusano ciò che ragusano non è. Le nuove modifiche sono finalizzate non solo ad adeguare il disciplinare alle caratteristiche qualitative del formaggio, ma definiscono anche i concetti di “porzionato”, di “grattugiato” e di “mono porzioni” per la necessaria trasparenza giustamente pretesa dai produttori e per garantire al massimo i consumatori. L’immagine del prodotto dovrà essere chiara e facilmente identificabile, per questo verranno ufficializzati i segni per la riconoscibilità e per la tracciabilità. Nel nuovo disciplinare, tra l’altro, è stata anche prevista la possibilità, per gli allevatori che caseificano esclusivamente con latte di bovine di razza modicana, di specificare in etichetta la dicitura “ragusano da vacca modicana”.

Molto soddisfatti del risultato ottenuto i rappresentanti del Consorzio secondo i quali si sta finalmente per giungere ad un risultato di fondamentale importanza per la tutela del Ragusano DOP, grazie anche all’introduzione delle etichette, che permetteranno di risalire alle aziende produttrici, e grazie all’ufficializzazione del logo.

In attesa della registrazione delle modifiche da parte dell’Unione Europea, gli oltre 50 soci del Consorzio, oltre la metà dei quali caseari e il resto stagionatori e produttori di latte, sono stati già chiamati a seguire il nuovo corso dettato dal Consorzio per la tutela del ragusano Dop.

Il nuovo percorso del Consorzio di tutela del Ragusano DOP sarà spiegato e presentato ufficialmente a Ragusa in occasione della Fiera Agricola del Mediterraneo il prossimo 30 settembre.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]