Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Sanità, formazione: intesa tra Università di Pittsburgh e atenei siciliani



Siglato stamane a Palazzo d’Orleans un protocollo tra l’Università di Pittsburgh e gli atenei di Palermo, Catania, Messina e la Kore di Enna: prevede rogetti di ricerca comuni, alta formazione, condivisione di esperienze innovative di insegnamento, scambio di docenti, studenti e ricercatori. Il protocollo, della durata di cinque anni, è stato sottoscritto da Patrick Gallagher, rettore dell’Università americana, e dai rettori siciliani Fabrizio Micari (Palermo), Francesco Basile (Catania), Salvatore Cuzzocrea (Messina) e Giovanni Puglisi (Enna), alla presenza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e del presidente di Upmc International Charles Bogosta. In sala, tra gli altri, anche il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gianfranco Miccichè, gli assessori alla Formazione e alle Attività Produttive Roberto Lagalla e Mimmo Turano, oltre ai rappresentanti dell’Ismett di Palermo.

L’intesa con l’Università di Pittsburgh prevede un rapporto di collaborazione nei settori dell’istruzione e della ricerca, uno scambio di pubblicazioni accademiche e di tecniche di insegnamento, la programmazione di corsi e l’organizzazione di seminari e conferenze e si inserisce nell’Accordo quadro decennale che la Regione lo scorso dicembre ha rinnovato con l’Ismett, l’Istituto mediterraneo dei trapianti e terapie di alta specializzazione di Palermo. Un progetto che prevede un investimento complessivo di 100 milioni di euro, per un aumento dei posti letto di quasi il 50 per cento (da 78 a 114) e almeno il 3 per cento del budget da destinare alla formazione del personale sanitario regionale.

Per il governatore Musumeci «con questo importante protocollo la Sicilia si proietta oltre oceano, riaffermando il valore della ricerca, dello scambio di competenze, del confronto tra saperi, all’insegna del diritto alla salute e della centralità del paziente. La Sicilia si apre in questo modo al confronto con esperienze qualificate e riconosciute a livello internazionale, con grandi opportunità per i giovani ricercatori e in un connubio consolidato con Ismett, fiore all’occhiello della sanità siciliana».

Ruggero Razza, assessore alla Salute, ha posto l’accento sul consolidamento di un rapporto strategico con l’Ismett che «guarda al domani, in un orizzonte temporale che consente un’attività di programmazione e il raggiungimento di traguardi considerevoli. E’ nota l’operazione che punta a far rientrare nell’Isola tanti siciliani che al momento sono all’estero. E in questo senso, il Protocollo di oggi dà la possibilità a tanti professionisti di tornare a lavorare qui e ai giovani di andare a perfezionare la formazione negli Stati uniti».

Patrick Gallagher e Charles Bogosta hanno riaffermato il significato di una collaborazione che nasce nella consapevolezza dei grandi vantaggi che possono derivare da un confronto tra eccellenze nel settore della sanità. Il rettore di Catania Basile, ha indicato «l’importante scenario che si viene a realizzare con questa esperienza che offre ampi spazi di miglioramento e di progresso, nella centralità del paziente e del servizio essenziale delle prestazioni sanitarie».

Giovanni Puglisi della Kore di Enna ha voluto manifestare «gratitudine e soddisfazione per l’alto valore di un documento che ribadisce la funzione ineliminabile della ricerca di qualità». Per Salvatore Cuzzocrea, rettore dell’ateneo di Messina, «quella odierna è una iniziativa molto importante perché riconosce il valore del confronto con altre realtà accademiche in una prospettiva di crescita comune». Micari ha infine evidenziato «il significato di una cooperazione internazionale di alto livello che consentirà uno scambio continuo di esperienze e di metodiche».

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]