Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Sanzioni pesca illegale, sotto accusa associazioni di categoria



“La forza delle associazioni sta nel mettere insieme bisogni e culture. La rappresentatività è collegata alla forza dell’identità e significa capacità di interpretare i bisogni. Non si misura solo con i numeri e non significa presenza assidua nei salotti televisivi, dove si rischia di veicolare messaggi inappropriati”.

È questa la denuncia di R.U.O. (www.ruo.it) centro di ricerca palermitano, autore di uno studio – di prossima pubblicazione – sul sistema sanzionatorio adottato nell’Unione Europea per contrastare il fenomeno della pesca illegale.

Il riferimento è, proprio, al “cortocircuito esistente nel sistema delle sanzioni per la pesca illegale in Italia, causato dall’assenza nelle sedi opportune delle associazioni di categoria”.

Secondo RUO, il problema principale sta nella mancata distinzione tra il pescatore che rispetta le regole e il pescatore illegale:

“Assistiamo – sostiene il Centro di Ricerca – ad una crisi del comparto pesca in Italia, e questo è un dato, mentre ad ad essa si associa, viceversa, a causa di una crescente domanda di prodotto da parte del consumatore, un potenziamento della comunicazione tale per cui i cittadini, desiderosi di sapere, si trasformano da utenti a ‘consumatori’ del messaggio comunicativo”.

“Emblematico, a tal proposito – spiega RUO – il confronto tra un esponente di vertice di un’associazione datoriale della pesca di fronte alle opportune considerazioni della rappresentante dei consumatori, all’interno di una nota trasmissione dalla parte dei consumatori della terza rete pubblica, dove si evince con chiarezza, nel passaggio televisivo del dialogo tra i due, l’assoluta incapacità dialettica sul fronte di allontanare da sé, ossia dalla categoria, con argomenti fondati e seri il binomio pesca illegale= pescatore”.

Per il Centro di Ricerca si tratta di un “difetto di comunicazione” in relazione a cui emerge “la responsabilità delle associazioni di categoria che hanno preferito difendere interessi di comparto (emolumenti fiscali, previdenziali e sindacali), a scapito dell’immagine stessa della categoria che rappresentano e dell’effettiva rappresentatività, in termini di vigilanza, nelle sedi nazionali ed europee, dove venivano prese le decisioni”.

La soluzione al problema, secondo RUO, consisterebbe “nell’entrare nel vivo della comparazione della rappresentatività stessa attraverso l’analisi prioritaria e, quanto più possibile veritiera, dei numeri associativi quale ‘conditio sine qua non’ per la loro partecipazione a qualsivoglia, e a qualsiasi livello, tavolo tecnico decisionale”. prospettando “alleanze fra soggetti che, in qualche modo, non vogliono stare isolati e senza direzione di marcia”.

Per leggere il documento integrale di RUO cliccare qui: https://www.facebook.com/notes/ruo-research-unit-one/il-nodo-della-rappresentativit%C3%A0-di-fronte-alla-crisi-delle-istituzioni-e-il-dife/400927776916769

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]