Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Sanzioni pesca illegale, sotto accusa associazioni di categoria



“La forza delle associazioni sta nel mettere insieme bisogni e culture. La rappresentatività è collegata alla forza dell’identità e significa capacità di interpretare i bisogni. Non si misura solo con i numeri e non significa presenza assidua nei salotti televisivi, dove si rischia di veicolare messaggi inappropriati”.

È questa la denuncia di R.U.O. (www.ruo.it) centro di ricerca palermitano, autore di uno studio – di prossima pubblicazione – sul sistema sanzionatorio adottato nell’Unione Europea per contrastare il fenomeno della pesca illegale.

Il riferimento è, proprio, al “cortocircuito esistente nel sistema delle sanzioni per la pesca illegale in Italia, causato dall’assenza nelle sedi opportune delle associazioni di categoria”.

Secondo RUO, il problema principale sta nella mancata distinzione tra il pescatore che rispetta le regole e il pescatore illegale:

“Assistiamo – sostiene il Centro di Ricerca – ad una crisi del comparto pesca in Italia, e questo è un dato, mentre ad ad essa si associa, viceversa, a causa di una crescente domanda di prodotto da parte del consumatore, un potenziamento della comunicazione tale per cui i cittadini, desiderosi di sapere, si trasformano da utenti a ‘consumatori’ del messaggio comunicativo”.

“Emblematico, a tal proposito – spiega RUO – il confronto tra un esponente di vertice di un’associazione datoriale della pesca di fronte alle opportune considerazioni della rappresentante dei consumatori, all’interno di una nota trasmissione dalla parte dei consumatori della terza rete pubblica, dove si evince con chiarezza, nel passaggio televisivo del dialogo tra i due, l’assoluta incapacità dialettica sul fronte di allontanare da sé, ossia dalla categoria, con argomenti fondati e seri il binomio pesca illegale= pescatore”.

Per il Centro di Ricerca si tratta di un “difetto di comunicazione” in relazione a cui emerge “la responsabilità delle associazioni di categoria che hanno preferito difendere interessi di comparto (emolumenti fiscali, previdenziali e sindacali), a scapito dell’immagine stessa della categoria che rappresentano e dell’effettiva rappresentatività, in termini di vigilanza, nelle sedi nazionali ed europee, dove venivano prese le decisioni”.

La soluzione al problema, secondo RUO, consisterebbe “nell’entrare nel vivo della comparazione della rappresentatività stessa attraverso l’analisi prioritaria e, quanto più possibile veritiera, dei numeri associativi quale ‘conditio sine qua non’ per la loro partecipazione a qualsivoglia, e a qualsiasi livello, tavolo tecnico decisionale”. prospettando “alleanze fra soggetti che, in qualche modo, non vogliono stare isolati e senza direzione di marcia”.

Per leggere il documento integrale di RUO cliccare qui: https://www.facebook.com/notes/ruo-research-unit-one/il-nodo-della-rappresentativit%C3%A0-di-fronte-alla-crisi-delle-istituzioni-e-il-dife/400927776916769

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]