domenica, Settembre 27
Shadow

Serie C 2020-2021: il girone C è di categoria superiore

Salutato il campionato 2019/2020 c’è poco tempo per le vacanze nel mondo del calcio e soprattutto le squadre delle categorie inferiori devono essere brave a programmare in questo torrido agosto per essere competitive fin da subito. La Serie C è un campionato affascinante ed estenuante e in particolare il girone C di quest’anno assomiglia più a una Serie B che a una terza serie. 

27 settembre al via la Serie C: quanta incertezza e quanto spettacolo

Neanche il tempo di archiviare il campionato 2019/2020 che il 27 settembre sarà già nuovamente tempo di calcio. La Serie C riparte con le sue 60 squadre e i tre gironi canonici, come suole la formula attuale, girone A Centro-Nord, girone B Centro e girone C Centro-Sud. Quest’anno hanno festeggiato e salutato la Serie C quattro nobili del calcio italiano: Monza, Reggina, Vicenza e Reggiana, club che addetti ai lavori e quote scommesse calcio avevano già pronosticato fra le possibili vincenti nell’estate scorsa e che parteciperanno al campionato cadetto dell’anno prossimo che si preannuncia anch’esso avvincente. Un grande bentornato nel calcio professionistico alla Lucchese1905, che è iscritta nel girone B di Serie C, al Palermo e alla Turris, girone C e al Mantova nel girone A. Il girone che sembra più avvincente di tutti è quello del Sud, in cui andrà in scena il derby Catania-Palermo.

Girone C: ben 86 campionati di A nel girone Sud 

Nel girone C della terza serie italiana ci sono squadre che hanno fatto la storia del nostro calcio. Contiamo ben 86 partecipazioni al massimo campionato suddivise fra Palermo, 29 campionati, Bari, 30 partecipazioni, Catania 17 e Avellino 10. Ciò lascia intendere che storia e che piazze si troveranno di fronte quest’anno in particolare nel girone C, che sembra più una sorella minore della serie B, che una terza serie. C’è tanta attesa per il Palermo, che sembra scatenato sul mercato e ha già acquistato Silipo dalla Roma, Saraniti dal Lecce e Valente, mentre in panchina siederà Boscaglia, tecnico siciliano doc e che ha portato in B già un’altra siciliana, il Trapani. Sarà il girone dei derby infuocati: Catania-Palermo per la Sicilia, poi Avellino, Turris, Juve Stabia, Casertana e Paganese per la Campania e ancora Bitonto-Bari. La Toscana molto probabilmente verrà “spaccata” in due per la composizione dei gironi, vedendo Livorno, Grosseto e Lucchese nel girone B, mentre Pontedera, Carrarese e Pistoiese faranno parte del girone A.  

Con una serie C di questo livello e nobiltà, sicuramente il divertimento non mancherà e difficilmente ci sarà una squadra come il Monza di Galliani e Berlusconi che dominerà uno dei gironi come è accaduto lo scorso anno nel girone A. I giochi sono aperti e le ambizioni soprattutto in piazza come Palermo e Bari sono tante, così come sono tante le pressioni da parte di stampa, ambiente e tifosi. Per questo la scelta del Palermo di affidarsi a un allenatore esperto, che conosce la Sicilia e ha personalità, sembra la più adeguata a reggere una tale responsabilità.

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.