Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Startup, ecco come scegliere il nome di successo



Prima dell’avvio di una nuova startup, un aspetto la cui è importanza può essere spesso sottovalutata è la scelta del nome o naming. Il nome di una startup è un biglietto da visita prezioso per un’azienda: identifica la sua filosofia, i suoi valori e descrive agli utenti il tipo di prodotto o servizio offerti. La scelta è, dunque, vitale per il business futuro. Quella del brand naming è una fase molto delicata che influisce tantissimo sul futuro dell’azienda: un nome sbagliato può portare all’esclusione della stessa dal posizionamento nel mercato di riferimento o, anche, causare lunghe e deleterie battaglie legali. 

Startup: scegliere un nome accattivante

Il nome giusto deve essere potente, accattivante, facile da ricordare, chiaro e possibilmente breve. È facile, soprattutto nella fase iniziale, cadere nel gioco delle emozioni, farsi prendere da un nome che, magari, si ha in testa da tanto tempo o scegliere il proprio nome: tutto questo è da evitare. Bisogna impiegare tanto tempo e studio prima di decidere quale sarà il nome perfetto per l’azienda

Il nome è il messaggio

Gli aspetti da tenere in considerazione nel corso di questa fase sono tanti, motivo per cui tenere a mente una serie di consigli può aiutare a fare la scelta più corretta. 

Innanzitutto è consigliabile, specialmente per le startup e per i servizi online, scegliere un dominio internet e controllare bene che non sia già stato acquistato: si può avere un nome accattivante, ma senza dominio è difficile posizionarsi. Utilizzare se possibile l’estensione .com, attraverso cui è più facile scalare anche all’estero.

Non farsi ingabbiare dal nome. Scegliere un nome che descriva il servizio offerto dalla nostra azienda può essere controproducente, specialmente se il nome scelto è trend in quel momento. Le mode passano e si rischia di rimanere con un nome che non funziona più nel lungo periodo. L’azienda, inoltre, potrebbe fare pivot cambiando radicalmente mission: in questo caso il nome sarebbe obsoleto e creerebbe confusione negli utenti. È bene concentrarsi sul messaggio che si vuole lanciare, sulla filosofia dell’azienda. 

È importante che il nome scelto per la startup non sia un marchio già registrato: esistono varie banche dati gratuite che è possibile consultare in questa fase.

Attenzione alle trappole

Cercare di scegliere un nome che sia unico, in questo modo è più facile che il cliente si ricordi dell’azienda, non solo: ha maggiori possibilità di essere cliccato quando appare nei motori di ricerca, il che rappresenta anche un vantaggio sui competitor

Bisogna stare attenti al significato delle parole. Quando si sceglie un nome è importante non sottovalutare la linguistica e la semiotica: i nomi possono avere un significato diverso in un’altra lingua o avere un significato psicologico. Per questo è consigliabile andare a cercare i vari significati di una parola tradotti nelle varie lingue straniere, specialmente se si ha intenzione di espandere il proprio business anche all’estero. 

Conoscere la propria clientela, i suoi bisogni e le aspettative è un consiglio importante perché saranno loro a doversi ricordare dal brand. Basterà fare un piccolo sondaggio per avere le idee più chiare. 

Generatori automatici di nomi

Il nome di un startup deve essere chiaro, semplice da scrivere e da pronunciare per evitare di sbagliare, creare confusione: un nome troppo complesso o ambiguo non sarà ricordato. 

Online esistono vari siti che offrono come servizio un generatore automatico di nomi, come Namelix, Namesmith o Impossibility!. Tuttavia, se si vuole fare in autonomia e sfruttare la propria creatività è bene iniziare da una mappa mentale, munirsi poi di carta e penna e tirare fuori quante più idee possibili. (tratto da Backtowork24)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]