Press "Enter" to skip to content

Trasporti, Palermo: all’Amat 89 nuovi bus a metano

Da domani entreranno in servizio 38 nuovi bus Urbanway Iveco con motorizzazione euro 6 alimentati a metano. Si tratta della prima fornitura di autobus arrivata nel deposito Amat di via Roccazzo su un totale di 89 bus – tutti in consegna entro gennaio – suddivisi in quattro lotti e destinati a rinforzare il parco dei mezzi circolanti dell’azienda palermitana di trasporto pubblico.
Al momento il parco macchine dell’Amat è composto da 403 autobus, con un’età media di 12,5 anni. Entro il 2019 si aggiungeranno 139 nuovi bus, in sostituzioni di altrettanti mezzi che saranno alienati, che faranno scendere l’età media a poco meno di 7 anni.
L’importo per l’acquisto dell’intera fornitura di 89 bus ammonta a circa 22 milioni di euro, di cui l’80 per cento è finanziato dal ministero del Trasporti – con il contributo a valere sul fondo legge 28/12/2015, n 208 – mentre per il restante 20 per cento, circa quattro milioni di euro, con risorse di Amat.
Il primo lotto prevede l’acquisto di due autobus a gasolio di circa 7 metri, Iveco “50C18 Car Ind”, forniti dalla Sivibus (207.800 euro); il secondo lotto riguarda 39 autobus a gasolio di 10 metri denominati “CityMood 10”, forniti dalla Industria Italiana Autobus (8.385.000 euro); il terzo lotto fa capo a 38 autobus di 12 metri a metano, “UrbanWay”, forniti dalla IrisBus (10.241.000 euro). Infine il quarto lotto: 10 snodati da 18 metri a gasolio, “CityMood 18”, forniti dalla Industria Italiana Autobus (3.005.000 euro).

BIGLIETTAZIONE
L’Amat è ormai a un passo dal completamento del sistema di bigliettazione elettronica , con l’introduzione definitiva del biglietto magnetico. I nuovi titoli di viaggio stanno progressivamente sostituendo i vecchi biglietti. Le nuove validatrici sono state installate su buona parte della flotta e sono in dotazione sui nuovi autobus. Entro il prossimo febbraio sarà possibile convalidare il biglietto magnetico su tutti i bus Amat. I vecchi biglietti potranno essere sostituiti con i nuovi tagliandi magnetici al massimo entro il mese di gennaio 2019.

SiCUREZZA
In tema di sicurezza del personale alla guida dei bus, secondo quanto è emerso dalle riunioni con il prefetto Antonella De Miro, che ha voluto essere presente all’iniziativa, l’azienda ha predisposto il primo ordine che riguarda l’acquisto di 11 cabine blindate, che saranno installate nella prossima fornitura di nuovi autobus.
“La mobilità è sempre più la bandiera di questa città, che ci porta ad essere accoglienti, ad essere una città turistica, ad avere moderni servizi di gommato e di ferrato – ha detto il sindaco – l’arrivo dei nuovi bus, oltre ad essere un rafforzamento delle attuali tratte, si trasforma in un incentivo a passare dall’auto privata al mezzo pubblico e a garantire la vivibilità della città che sta conoscendo l’esperienza positiva delle isole pedonali”.
“I nuovi mezzi dell’Amat contribuiscono all’esigenza di decoro e di efficienza di un servizio essenziale per la mobilità cittadina – ha detto Musumeci – La Regione ha reso possibile il finanziamento di 22 milioni, grazie ai fondi del ministero dei trasporti e del Comune di Palermo. 89 bus sono davvero una bella novità per il parco vetture dell’Amat. Adesso dobbiamo lavorare per consolidare le infrastrutture nell’isola. Ci sarà un incontro con i sindaci delle isole minori, per parlare di trasporti marittimi – ha concluso Musumeci – e stiamo esaminando con il Comune di Palermo la possibilità di poter modificare il percorso nel centro storico nei pressi del Palazzo Reale e palazzo D’Orleans. E’ una sorta di sfida che con il sindaco Orlando stiamo mettendo in campo”.
“Un finanziamento che si è realizzato, 22 milioni di euro a favore della città, per rendere il trasporto pubblico locale più sicuro e anche più comodo – ha detto Cimino – Questi mezzi sostituiranno gli autobus da alienare. Nella nuova programmazione inoltre stiamo ragionando con il Comune sulla possibilità di aumentare della percorrenza chilometrica in termini i di rete”.

La Cgil: “Bene nuovi mezzi, ma adesso servono gli autisti”

All’Amat, che annuncia oggi l’arrivo di nuovi mezzi più tecnologici e a minor impatto ambientale, Nidil Cgil pone l’interrogativo del personale che dovrà stare alla guida dei nuovi autobus, sollevando il caso dei 100 interinali con il contratto scaduto.
Già da diversi mesi infatti il presidente di Amat Cimino, ammettendo la carenza di personale, ha annunciato nuove assunzioni. Per circa 18 mesi, a partire dal 2017, l’azienda ha utilizzato 100 lavoratori interinali che hanno garantito il servizio ma il loro contratto è scaduto ormai da agosto e non c’è ancora traccia né dell’atteso nuovo concorso né di un nuovo bando per la somministrazione di autisti.
“Chiediamo ai vertici dell’Amat e alle autorità cittadine e regionali, Orlando e Musumeci, presenti alla presentazione dei nuovi mezzi, quali siano le tempistiche e le modalità per sopperire alla mancanza di personale – dichiara Andrea Gattuso, segretario generale di Nidil Cgil Palermo – Ci sono 100 autisti, personale qualificato e con esperienza pronti a riprendere servizio attraverso un nuovo periodo di somministrazione di lavoro, tra questi una trentina di lavoratori è da luglio senza lavoro e senza ammortizzatori sociali.”
“La nostra richiesta – aggiunge Gattuso – rimane quella che al più presto i 100 autisti possano riprendere servizio e che allo stesso tempo venga pubblicato il bando di concorso già più volte annunciato, un bando che sia aperto a tutti e che metta l’Amat nelle condizioni di assicurare un servizio di trasporto adeguato alle esigenze di una città come Palermo”.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.