Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Castelbuono, Fiasconaro accusa: non mi danno gli spazi, vado a Cuneo



Nicola Fiasconaro, il noto produttore di panettoni, colombe pasquali ed altre delizie dolciarie con sede a Castelbuono, sulle Madonie, in provincia di Palermo – uno dei brand più famosi del made in Sicily – è pronto ad emigrare in Piemonte, in un piccolo comune di Velasca, nel Cuneese, 1.600 anime in tutto.

Vuole ingrandirsi. E non ce la fa più a sopportare i ritardi della burocrazia siciliana. Da anni Fiasconaro si batte per poter disporre di nuovi spazi, ha l’esigenza di potenziare la sua produzione che oggi nei momenti di picco tiene occupate oltre 120 persone nella sola Castelbuono e dà lavoro ad altri undici laboratori artigianali sparsi in tutta l’Isola, una sorta di circuito virtuoso che produce le creme al pistacchio a Bronte o le ganache di cioccolato a Modica e tante altre leccornie in altri paesi siciliani poi utilizzate nei suoi dolci.

Ha fatto i suoi calcoli. Avrebbe bisogno di altri diecimila metri quadri per far decollare la sua impresa familiare gestita con i fratelli Martino e Fausto. Un suo sfogo recente finito in un quotidiano nazionale è stato letto dal sindaco di Velasca Silvano Dovetta. Che ha subito chiamato Fiasconaro invitandolo all’inaugurazione dell’area artigianale del piccolo comune, un’area non più utilizzata e recuperata in appena dieci mesi, quarantamila metri quadri da offrire alle imprese. E ora Fiasconaro racconta: “Sono pronto ad emigrare in Piemonte. Lusingato dell’invito ho partecipato all’inaugurazione, anzi al taglio del nastro, c’erano ministri, sottosegretari e il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. A Castelbuono è tutto bloccato, l’ex area artigianale Sirap è in possesso del Comune da sei anni e abbandonata da oltre trenta ma io non riesco ad averne uno spazio per l’ampliamento della mia azienda. Io non ho più dove mettere i panettoni. Il paradosso è che tutti conoscono la mia esigenza, dall’attuale sindaco di Castelbuono al presidente della Regione Crocetta, tra l’altro grande estimatore della mia cittadina. Ma non è bastato. Velasca può diventare la mia sede distaccata. Sono pronto ad emigrare”.

E il sindaco del piccolo comune piemontese conferma: “Siamo onorati se Fiasconaro deciderà di venire. L’area è già attrezzata di tutto punto, siamo pronti a concedere gli spazi richiesti”. Che dire? Una storia semplice. Di autolesionismo.

tratto da cronachedigusto.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]