Castelbuono, Fiasconaro accusa: non mi danno gli spazi, vado a Cuneo



Nicola Fiasconaro, il noto produttore di panettoni, colombe pasquali ed altre delizie dolciarie con sede a Castelbuono, sulle Madonie, in provincia di Palermo – uno dei brand più famosi del made in Sicily – è pronto ad emigrare in Piemonte, in un piccolo comune di Velasca, nel Cuneese, 1.600 anime in tutto.

Vuole ingrandirsi. E non ce la fa più a sopportare i ritardi della burocrazia siciliana. Da anni Fiasconaro si batte per poter disporre di nuovi spazi, ha l’esigenza di potenziare la sua produzione che oggi nei momenti di picco tiene occupate oltre 120 persone nella sola Castelbuono e dà lavoro ad altri undici laboratori artigianali sparsi in tutta l’Isola, una sorta di circuito virtuoso che produce le creme al pistacchio a Bronte o le ganache di cioccolato a Modica e tante altre leccornie in altri paesi siciliani poi utilizzate nei suoi dolci.

Ha fatto i suoi calcoli. Avrebbe bisogno di altri diecimila metri quadri per far decollare la sua impresa familiare gestita con i fratelli Martino e Fausto. Un suo sfogo recente finito in un quotidiano nazionale è stato letto dal sindaco di Velasca Silvano Dovetta. Che ha subito chiamato Fiasconaro invitandolo all’inaugurazione dell’area artigianale del piccolo comune, un’area non più utilizzata e recuperata in appena dieci mesi, quarantamila metri quadri da offrire alle imprese. E ora Fiasconaro racconta: “Sono pronto ad emigrare in Piemonte. Lusingato dell’invito ho partecipato all’inaugurazione, anzi al taglio del nastro, c’erano ministri, sottosegretari e il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. A Castelbuono è tutto bloccato, l’ex area artigianale Sirap è in possesso del Comune da sei anni e abbandonata da oltre trenta ma io non riesco ad averne uno spazio per l’ampliamento della mia azienda. Io non ho più dove mettere i panettoni. Il paradosso è che tutti conoscono la mia esigenza, dall’attuale sindaco di Castelbuono al presidente della Regione Crocetta, tra l’altro grande estimatore della mia cittadina. Ma non è bastato. Velasca può diventare la mia sede distaccata. Sono pronto ad emigrare”.

E il sindaco del piccolo comune piemontese conferma: “Siamo onorati se Fiasconaro deciderà di venire. L’area è già attrezzata di tutto punto, siamo pronti a concedere gli spazi richiesti”. Che dire? Una storia semplice. Di autolesionismo.

tratto da cronachedigusto.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]